Winner of Google'sBest app for Good 2023
Last updated on:

Performance e sostenibilità: la guida per una gestione perfetta

Il Sustainability Performance Management (SPM) si riferisce a un continuo e necessario processo di definizione della strategia e degli obiettivi aziendali nell’ambito della sostenibilità.

Questo processo parte dalla definizione di una strategia di sostenibilità, che apre la strada a iniziative concrete e attuabili.. Il secondo passo consiste nel definire obiettivi precisi e misurabili, indispensabili per orientare e plasmare gli sforzi dell’azienda, nonché nel valutare e misurare i progressi compiuti.

Ma perché il Sustainability Performance Management è importante? E come viene attuato? Continua a leggere questo articolo di AWorld per scoprirlo!

Perché è importante concentrarsi sul Sustainable Performance Management?

Il Sustainable Performance Management integra e fornisce un contributo concreto alla strategia aziendale complessiva, assicurando che la sostenibilità non venga trattata come uno sforzo isolato, ma come parte integrante della visione e delle operazioni a lungo termine dell’azienda.. Di seguito i principali vantaggi:

  • Allineamento con la strategia aziendale

L’SPM assicura che le iniziative di sostenibilità di un’azienda siano profondamente integrate con la strategia aziendale complessiva. Ciò significa che la sostenibilità viene tenuta in considerazione in ogni decisione aziendale.

  • Riduzione del rischio e conformità

Puntando su pratiche sostenibili, un’azienda può identificare e mitigare in modo proattivo vari rischi, compresi quelli ambientali, sociali e di governance (ESG). Tale approccio proattivo contribuisce ad anticipare i cambiamenti normativi e a garantire la conformità alle leggi e agli standard ambientali, riducendo la probabilità di incorrere in sanzioni e problematiche legali.

  • Prestazioni finanziarie a lungo termine

Come è noto, le aziende sostenibili tendono a ottenere risultati finanziari migliori sul lungo periodo. Adottando pratiche sostenibili, un’azienda può ridurre i costi, avere accesso a nuovi mercati e ottenere investimenti da parte di investitori socialmente responsabili.

  • Migliorare la reputazione del marchio e la fidelizzazione dei clienti

I consumatori sono sempre più attenti alle questioni ambientali e sociali. Le aziende che dimostrano il loro impegno per la sostenibilità guadagnano in percezione del marchio e favoriscono una maggiore fidelizzazione.

  • Coinvolgimento e attrazione dei dipendenti

L’attenzione alla sostenibilità può portare a livelli più elevati di impegno dei dipendenti, a un miglioramento del morale e a una maggiore capacità di attrarre i migliori talenti.

  • Resilienza a lungo termine

Integrando la sostenibilità nella propria strategia, un’azienda ha maggiori probabilità di adattamento in un mondo in continua evoluzione. Ad esempio, è più capace di resistere agli shock esterni, come la scarsità di risorse o i cambiamenti nelle tendenze dei consumatori, perché sta già operando d’anticipo per adattarsi a questi cambiamenti.

  • Impatto sociale e ambientale positivo

Adottare un approccio sostenibile ha un impatto positivo sulla società e sull’ambiente. Le aziende che si concentrano sul Sustainability Performance Management partecipano alla risoluzione di sfide globali come il cambiamento climatico, la disuguaglianza e la perdita di biodiversità.

Come si sviluppa un processo di Sustainability Performance Management?

Per avviare un processo di Sustainability Performance Management, un’azienda deve adottare un approccio strutturato.. Secondo Deloitte, tale approccio deve basarsi su quattro pilastri principali per garantire che la sostenibilità sia pienamente integrata nelle operazioni aziendali.

  • Definire priorità e obiettivi

Il processo deve essere avviato con la definizione delle priorità e degli obiettivi di sostenibilità. Ciò implica l’identificazione delle questioni di sostenibilità più rilevanti per l’azienda e la definizione di obiettivi valutabili e allineati alla strategia aziendale. In questa fase, ad esempio, un’azienda può decidere di ridurre le emissioni di CO2 del 50% entro il 2030.

  • Dare visibilità

La sostenibilità deve essere una parte evidente della cultura e delle operazioni aziendali. Ciò significa assicurarsi che gli obiettivi e i progressi in materia di sostenibilità siano condivisi con tutti gli stakeholder dell’azienda. Seguendo l’esempio delle emissioni di CO2, in questa fase un’azienda può decidere di pubblicare informazioni sulle proprie emissioni ogni mese.

  • Sviluppare un piano

Una volta fissati gli obiettivi e assicurata la visibilità, il passo successivo è sviluppare un piano per il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità. Questo piano dovrebbe includere l’identificazione delle risorse necessarie, l’assegnazione delle responsabilità e la fissazione delle scadenze. In questa fase, un’azienda potrebbe esplorare percorsi di decarbonizzazione per ridurre la propria impronta di carbonio.

  • Definizione delle misure strutturali

L’ultima fase prevede l’identificazione di misure strutturali per assicurare che la strategia di sostenibilità sia effettivamente implementata e continuamente perfezionata. Ciò include la messa a punto di sistemi di raccolta e analisi dei dati, la creazione di strutture di governance per la supervisione degli sforzi di sostenibilità e l’implementazione di politiche e procedure che integrino la sostenibilità nelle pratiche aziendali quotidiane. Infine, in questa fase, un’azienda può attuare tariffe interne per le emissioni di carbonio come parte dei suoi processi di pianificazione finanziaria.

Le tre dimensioni del Sustainability Performance Management

Le tre dimensioni del Sustainability Performance Management sono intrinsecamente legate al concetto di Triple Bottom Line, che pone l’accento sulle tre dimensioni essenziali della sostenibilità: ambientale, sociale ed economica.. Tale struttura costituisce la base dell’approccio olistico alla sostenibilità, che garantisce che le operazioni di un’organizzazione abbiano un impatto favorevole non solo dal punto di vista finanziario, ma anche sull’ambiente e sulla società. Le tre dimensioni interconnesse costituiscono la pietra angolare di una strategia di sostenibilità completa.

  • Dimensione ambientale

La sostenibilità ambientale punta a proteggere il patrimonio naturale. Questa dimensione comporta quindi la riduzione degli impatti ambientali negativi, come le emissioni di carbonio, i rifiuti e l’inquinamento, promuovendo al contempo la conservazione delle risorse naturali.

  • Dimensione sociale

La sostenibilità sociale si focalizza sull’aspetto umano delle operazioni di un’organizzazione. Essa comprende la necessità di garantire un trattamento giusto ed equo ai dipendenti, di promuovere la diversità e l’inclusione, di salvaguardare i diritti umani e di contribuire positivamente allo sviluppo della comunità.

  • Dimensione economica

La sostenibilità economica va oltre la semplice redditività e include le conseguenze finanziarie delle pratiche aziendali sulla società e sull’ambiente. Si tratta di garantire la redditività economica dell’organizzazione, prendendo in considerazione gli effetti a lungo termine delle attività aziendali sull’ambiente e sulla società.

Sfide e ostacoli del Sustainability Performance Management

La gestione delle performance di sostenibilità comporta diverse sfide e ostacoli per un’azienda. Tra le più importanti ricordiamo:

  • Integrazione nella strategia aziendale principale

Una delle sfide più grandi consiste nell’integrare la sostenibilità nella strategia aziendale centrale, anziché trattarla come una questione separata o secondaria. Questo richiede un cambiamento di mentalità a tutti i livelli dell’organizzazione per garantire che la sostenibilità sia presa in considerazione in ogni decisione e operazione aziendale.

  • Raccolta e analisi dei dati

Raccogliere, gestire e analizzare accuratamente i dati sulla sostenibilità non è facile. Le aziende spesso devono fare i conti con la mancanza di parametri standardizzati e la difficoltà di quantificare alcuni aspetti della sostenibilità, come l’impatto sociale.

  • Bilanciare le pressioni a breve termine con gli obiettivi a lungo termine

Le aziende spesso subiscono pressioni per ottenere risultati finanziari a breve termine, il che può entrare in conflitto con la natura a lungo termine delle iniziative di sostenibilità. Bilanciare le richieste a breve termine con l’esigenza di una crescita sostenibile a lungo termine è una sfida fondamentale.

  • Gestione del cambiamento

L’integrazione della sostenibilità in un’azienda richiede un cambiamento culturale notevole, in quanto comporta una modifica di abitudini, comportamenti e pratiche ad ogni livello, e può incontrare resistenze.

  • Conformità alle normative e rispetto degli standard

Il panorama normativo in materia di sostenibilità è in continua evoluzione e le aziende devono tenersi al passo con nuovi regolamenti e standard. La conformità può essere una sfida, soprattutto per le aziende che operano in più giurisdizioni con differenti normative.

  • Limiti finanziari

L’implementazione di iniziative di sostenibilità richiede spesso investimenti iniziali significativi. La dimostrazione della sostenibilità finanziaria di queste iniziative può essere impegnativa, soprattutto per le organizzazioni più piccole o per i settori a basso margine.

  • Coinvolgimento e aspettative degli stakeholder

Altra sfida importante è il coinvolgimento efficace degli stakeholder interni ed esterni e la gestione delle loro aspettative. Ciascun gruppo può avere aspettative e richieste differenti in materia di sostenibilità.

  • Misurazione e reporting dell’impatto

Misurare con efficacia l’impatto delle iniziative di sostenibilità e riferire in modo trasparente i risultati agli stakeholder può essere una sfida. Le organizzazioni devono istituire meccanismi di rendicontazione solidi ed essere trasparenti sia sui successi che sulle aree di miglioramento.

KPI e reportistica del Sustainability Performance Management

Nel Sustainability Performance Management, il monitoraggio dei KPI (Key Performance Indicator, in italiano indicatore chiave di prestazione) è fondamentale. È necessario includere sia gli aspetti ambientali che quelli sociali ed economici.   I KPI ambientali comprendono parametri quali l’impronta di carbonio, il consumo energetico, il consumo di acqua e la gestione dei rifiuti; i KPI sociali si concentrano sulla gratificazione e l’impegno dei dipendenti, la diversità e l’inclusione, la salute e la sicurezza nonché l’impatto sulle comunità locali. I KPI economici, d’altra parte, si concentrano tipicamente sulle performance finanziarie, sugli investimenti in pratiche sostenibili e sulla gestione dei rischi legati alle questioni ambientali e sociali.

Per monitorare ed elaborare in modo efficace questi indicatori, le aziende devono implementare sistemi robusti di raccolta dati,che possono variare da software specializzati a dispositivi IoT per il monitoraggio in tempo reale. Schemi consolidati di rendicontazione sulla sostenibilità, come il Global Reporting Initiative (GRI), il Sustainability Accounting Standards Board (SASB) o il Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD), possono essere adottati.

Le informazioni ottenute da questo processo di monitoraggio e rendicontazione sono preziose e consentono di prendere decisioni per migliorare continuamente le prestazioni di sostenibilità.. Con questo approccio combinato, le aziende possono monitorare in modo efficace i loro progressi nel campo della sostenibilità e dimostrare il loro impegno a un’ampia gamma di stakeholder, tra cui investitori, clienti e dipendenti.

Come incentivare il Sustainability Performance Management?

Per favorire il miglioramento sostenibile è necessario un approccio globale che coinvolga attivamente sia i dipendenti che gli stakeholder.. Per migliorare l’impegno dei dipendenti, è fondamentale concentrarsi sulla formazione e sulla consapevolezza, assicurando che ogni membro del team comprenda il significato della sostenibilità e il suo potenziale contributo. I metodi efficaci per promuovere questa consapevolezza comprendono l’organizzazione di workshop, seminari ed eventi ricorrenti incentrati sulla sostenibilità. Inoltre, introdurre programmi di incentivazione che riconoscano e premino i dipendenti per i contributi più significativi agli obiettivi di sostenibilità può promuovere in modo sostanziale una vera e propria cultura organizzativa sostenibile.

Nel frattempo, per rafforzare il coinvolgimento degli stakeholder è necessaria una profonda comprensione degli interessi e delle preoccupazioni in materia di sostenibilità di ciascun gruppo. Ciò comporta, a sua volta, una regolare comunicazione attraverso differenti canali, come relazioni, newsletter e social media, per tenere gli stakeholder aggiornati sulle iniziative di sostenibilità in corso e sui progressi realizzati.

Caso studio AWorld: Cognizant

Cognizant, un’importante azienda globale, ha avviato un’innovativa iniziativa di sostenibilità utilizzando la piattaforma AWorld per potenziare i propri sforzi. . L’obiettivo era ambizioso: riuscire a coinvolgere dipendenti e collaboratori nella realizzazione di 200.000 azioni positive per il pianeta, rafforzando così il profilo sostenibile dell’azienda.

Il traguardo della sfida, che doveva durare tre mesi, è stato raggiunto in soli 17 giorni, a testimonianza dell’impegno e del dinamismo dei dipendenti di Cognizant. Oltre 15.000 utenti, con un tasso di coinvolgimento dell’89%, si sono uniti al team, lavorando collettivamente per raggiungere questo obiettivo di sostenibilità.

Il successo però non si è fermato qui. Al termine dei tre mesi, l’obiettivo iniziale non solo è stato raggiunto, ma è stato più che raddoppiato.. Il bilancio finale ha raggiunto l’impressionante cifra di 782.000 azioni positive per il pianeta.. Queste azioni hanno portato a una significativa riduzione dell’impatto ambientale: un risparmio di 3,3 milioni di chilogrammi di emissioni di CO2, 1,1 milioni di kWh di elettricità e 141 milioni di litri d’acqua.. I risultati non sono stati un trionfo solo in termini numerici, ma anche per la portata dell’impatto, contribuendo a diversi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs).

Questo caso di studio è un esempio lampante di come piattaforme digitali come AWorld possano essere estremamente utili ed efficaci nella gestione delle performance di sostenibilità.

Coinvolgendo i dipendenti in una sfida chiara, quantificabile e d’impatto, Cognizant è riuscita a far crescere in modo significativo il suo programma di sostenibilità. Il successo dell’iniziativa evidenzia il potere delle azioni collettive e del coinvolgimento dei dipendenti nel guidare un cambiamento ambientale sostanziale. Dimostra inoltre come gli obiettivi di sostenibilità possano essere integrati nella cultura aziendale, incoraggiando la responsabilità condivisa e l’impegno della forza lavoro nella gestione dell’ambiente.

Vuoi saperne di più su AWorld?

La chieva per costruire
un'azienda sostenibile? Coinvolgere i propri dipendenti.

Scopri subito come coinvolgere i tuoi dipendenti con la GUIDA GRATUITA di AWorld e dai una spinta alla trasformazione sostenibile della tua azienda.

La chiave per costruire un'azienda sostenibile? Coinvolgere i propri dipendenti.

Scopri subito come coinvolgere i tuoi dipendenti con la GUIDA GRATUITA di AWorld e dai una spinta alla trasformazione sostenibile della tua azienda.

Leggi gli altri post